RSS

Finchè c'è la salute.

Ci sono quei giorni in cui ti senti più cretina del solito, così, senza motivo.
Tipo che l'altra sera Jolly mi fa: 'sei di buon umore oggi' e mi sono fermata a pensare. A pensare a come mi percepiscono gli altri, per un broncio, per una canzone fischiettata -è raro ma succede-, per una maglietta messa al contrario, per un sorriso inebetito. Avevo le mani in pasta, nel senso che (udite! udite!) preparavo una torta salata ed ero tutta in foga. Che momenti.
Una di quelle creazioni brutte ma buone. Era buona davvero eh!

Certi giorni sono utile quanto un bradipo allo sportello del Pronto Intervento, me ne rendo conto; passo la maggior parte del tempo in camera e sento le altre ridere in cucina e colta da un pizzico di invidia -e con la scusa di bere l'acqua- le raggiungo per dieci minuti di cazzeggio in compagnia. E diventano venti.
Come quando sono in loop sul sito di Mtv e mi tolgo una cuffia per origliare; se l'argomento di discussione mi interessa, metto pausa e mi fiondo in cucina. Gente disperata, vestita alla peggio maniera, davanti a un thè caldo. 
Il più delle volte si parla di università -e scappo- e sesso -e rimango-. 
'Ma che fai tutto il giorno in camera? sono due giorni che non ti vedo', succede. Succede che non ho voglia di parlare, sentire nessuno e mi rivedo tutta la prima serie di Walking Dead. Così. Senza un motivo apparente.

Tipo che ieri a cena, tra na girata e na vutata alla pancetta, eravamo lì a ballare come pazzi invasati musica house per poi passare alla salsa. No, dico: mi ci vedete in pigiama con un cucchiaio di legno tra le mani che mi scateno? 
Mi capitano 'ste giornate. E sono felice. 
Sarà la sindrome premestruale, sarà Saturno in ferie a Castellamare di Stabia, sarà che tra poco torno a casa, sarà il karaoke improvvisato prima di andare a dormire, sarà che tutte le notti mi addormento con i crampi per quanto ho riso. Sempre, rido sempre, anche se la giornata è andata male e mi torna in mente Troisi che ricomincia da tre. Massì, che mi frega.


E niente, tutto questo per dirvi che non lo so mica se la cioccolata è terapeutica, la crema al pistacchio sì. Certo. 

10 commenti:

  1. e lo so che non ci credi, ma che nostalgia a ripensare al periodo dell'università... tu dirai: epperchèèè, dopo è peggio di così? no, ti rispondo io, è...diverso (se leggi dell'ironia, sì: c'è!!!)...
    però, con altrettanta onestà, ti dico: ma lo sai che se potessi tornare indietro, non lo so mica se lo farei?

    buona serata!

    Azzurra

    RispondiElimina
  2. Azzurra, grazie..anche a te :)
    io non lo rifarei.

    RispondiElimina
  3. Emy, ma questo è dovuto alle nuove coinquiline?

    RispondiElimina
  4. questo cosa? love is in the air.

    RispondiElimina
  5. "love is in the air"... mmmm... sei... innamorata??? XD

    RispondiElimina
  6. perché, tu non senti gli uccellini? non vedi che è primavera? :P

    RispondiElimina
  7. ah ah tenerissima =D

    RispondiElimina
  8. Potrebbe essere davvero buona quella specie di torta salata.

    RispondiElimina
  9. P.S. Metti un avviso su facebook quando pubblichi un nuovo post, che sennò quando capito per caso mi ritrovo con troppo arretrato.

    RispondiElimina
  10. era buonissima, giuro :) ft Tutino che però non è tanto orgoglioso del risultato :P

    p.s. ho scelto di non pubblicare più riferimenti al blog, su fb. Magari, ti avviso.

    RispondiElimina

mi vuoi dire qualche cccosa?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...