RSS

Fuori sede, fuori corso, fuori di casa.

Post non adatto ad un pubblico sensibile e minorenne.

Ho perso. Pensavo di iniziare così. 
Alle 19.00 in punto erano tutte schierate davanti a me. Non scherzo, se non fosse stato per la scritta La legge è uguale per tutti, che mancava, avrei detto di essere in tribunale. La stanza è illuminata da una lampada, dall'altra parte del tavolo sono presenti cinque sedie, il tutto ricorda la scena di un interrogatorio. Non ci sono domande, solo accuse e un regolamento appena stampato. Io immobile, 'due fogli A4 stanno per sancire le sorti di questo zoo' mi dico. Faccio immediatamente notare che perfino uno psicologo, non troppo orbo, avrebbe notato dallo schieramento, chi fossero i carnefici e lo status che legava me a loro. Danno la colpa alla casualità e esordiscono con 'non ce l'abbiamo con te, ci mancherebbe, vogliamo solo chiarire alcuni punti, questo regolamento è PER TUTTE', ribatto con 'e allora perché non sono stata coinvolta? Le camere si sono riunite in mia assenza', Usignolo prende coraggio e balbettando dice qualcosa come 'ma no, cosa dici, abbiamo buttato giù due righe e pensavamo di proportele e poi magari integrarlo, correggerlo'. Certo, sono io quella paranoica. Questo è l'intro del regolamento, con tanto di premessa strappalacrime #perché noi studiamo scienze politiche, sorella!

sono cinque, che casualità
Il punto è principalmente uno: non gradiscono la presenza di un maschio in casa, le imbarazza. Preciso che Andrea è in cucina (quindi spazio comune) quei venti minuti utili per cenare e per il resto del tempo è in camera mia. Posto ciò, vi starete chiedendo com'è che allora SmEmo può portare mille uomini? La risposta è una: hanno come unico punto di riferimento la casa. HAHAHAHAHA. Ciò vuol dire che se l'ospite, che chiameremo casualmente col nome di Andrea, ha casa a Forlì la sua presenza non è gradita se non occasionalmente. E SmEmo nell' avverbio occasionalmente ci sguazza, si sa. E' perfetto. Per loro. Ma voglio soffermarmi sul momento più bello della serata, ossia quello in cui Jabba -ribadisco, Jabba- mi confessa, il suo maggiore disagio: lei vorrebbe poter girare in mutande e la presenza di Andrea la ostacola. Ora. Io sarò pure carina quando mi ci metto ma non ce l'ho fatta a non riderle in faccia. Però sono stata brava, l'ho supplicata di non farlo mai per il bene di tutte, a prescindere. Non so come l'abbia presa perché ad un certo punto mi si è annebbiato il cervello, la mia mente ha iniziato a propormi immagini random di Jabba semi nuda ai fornelli e con la scopa tra le gambe. Per dire, no? 
Sugli altri punti sorvolo perché c'è veramente poco di sensato da dire, ma proprio mentre iniziava ad affievolirsi l'idea di un eventuale omicidio, Jolly si sofferma sul primo punto e ribadisce che io non posso guardami i film al pc di sera perché lei sente tutto e si indispone. Ostacolo la sua carriera universitaria, capite? Proprio in quell'istante ho sentito una forza centripeta che mi teneva alla sedia e che mi ha impedito di sbatterle la testa al muro. Ma forse me la sono solo sognata, ripeto. 
Sul regolamento il primo punto è sottolineato quindi molto importante, quindi imprescindibile. 

                             Libertè, egalitè, vaffangul a te, a te, a te!

Galeotto fu il fusillo. Questa è una storia a sè che ci tengo a raccontarvi. Sin dall'inizio dell'anno si ribadì che il lavandino andava pulito ogni qualvolta lo si sporcasse, senza aspettare la missionaria di turno e che andava liberato da eventuali residui di cibo. Ovvio, direte voi. Da giorni però c'era sto fusillo eremita che giaceva inerme e sconsolato sul bordo. Nessuna ha avuto il coraggio di toglierlo perché convinte fosse mio e se è mio nessuno di loro lo deve toccare. E qui le volevo. Pare che sto putiferio l'abbia scatenato proprio il povero fusillo che non era mio ma bensì di SmEmo. Ma c'è una regola non scritta che dice che quando non si sa a chi dare la colpa, la colpa è di Emy. HAHAHAHA.
Io non vi sto neanche a descrivere la discussione perché non è ridicola, di più. Fatto sta che tra un assalto e l'altro mi difendevo dicendo loro che se mi avessero un minimo conosciuta in questi mesi, avrebbero di certo saputo che io mangio solo penne rigate. Tiè! Colpite. Affondate.
Questo, giusto per farvi capire l'età mentale che riescono a raggiungere tutte e cinque insieme. Mi hanno anche detto che organizzeranno occasioni al fine di unirci e che se quando io entro in cucina e loro si zittiscono non è perché ce l'hanno con me, ma è perché si stanno confidando segreti molto intimi. Queste a Fatima je fanno na pippa.
E niente, questo è quanto e il lato positivo è che almeno mi è concesso respirare. Almeno.
Dal momento che non intendo deporre le armi, nè farmi amiche ste zocc, da oggi in poi ridurrò al minimo la mia presenza in casa e a sera andrò da Andrea il quale vive con altri due ragazzi che, avendo una vita sessuale attiva, non si sentono imbarazzati dalla mia presenza.

Ah, ovviamente a settembre io qui non ci torno.

38 commenti:

  1. ma queste sono sceme proprio O.o
    Vorrebbe girare in casa in mutande? che vive da sola?? Figlia mia nessuno vuole vederti in mutande...
    mi piace come spiegano come tu debba convivere con loro.. ci vuole empatia! Wow!
    e che concezione hanno del termine ospite??

    RispondiElimina
  2. ci tengo a precisare per i nuovi arrivati, che Jabba non a caso ha queste fattezze: http://4.bp.blogspot.com/_vftVlO38E_0/TCDfTZAopkI/AAAAAAAAAHE/lkcI_gtBTI8/s1600/2146_press01-001.jpg

    Tiratemi fuori di qui.

    RispondiElimina
  3. Non ci posso credere. Cioe', un regolamento scritto per mettere Andrea fuori dalla porta e tenere gli altri perche' "sono di passaggio"??? Bella mia, qua altro che vibratori.

    RispondiElimina
  4. Se pensano che io faccia davvero come dicono, hanno capito proprio male! Andrea non verrà da me tutti i giorni ma OCCASIONALMENTE verrà 3giorni a settimana senza passare dalla cucina perché inutile dirlo non ci tiene neanche a rivederle in faccia ste teste di cazzo, figurarsi se DEVE continuare anche salutarle per educazione.

    RispondiElimina
  5. Non so neanche da dove iniziare a commentare... dalle regole che fanno sembrare il "Roommate Agreement" di Sheldon una letterina d'amore? Dall'uso di parole come "qualora, contingenti, universale, costituendo" (ma che è, una tesina per il corso di "metodologia e didattica delle stronzate" che sicuramente hanno passato con 30L?!)?
    Ahah, e la durata del soggiorno dell'ospite deve essere comunicata?! Basta un avviso orale o preferiscono una raccomandata?
    Che poi, l'unica regola veramente importante l'hanno dimenticata: vietare a jabba di girare in mutande! Gliel'hai detto che è vietato dalla Dichiarazione Universale dei diritti del'Uomo, oltre che dalle più comuni norme sanitarie?
    Sono senza parole :/
    Finché non te ne andrai, rendigli la vita un inferno!

    RispondiElimina
  6. ma che 30L Cecilia, che cazzeggiano da mattina a sera.

    Hai ben detto, Sheldon in confronto è una caramella mou.

    Potrei organizzare un party con tutti voi che venite a fare casino fino all'alba ovviamente, l'ultimo giorno. Sai che figata!

    RispondiElimina
  7. Eh, ma in stronzate sembrano essere molto ferrate!
    Io vengo solo se posso girare per casa in costume hawaiano e con la radio a tutto volume in spalla! Ci verrei volentieri ;)

    RispondiElimina
  8. mi sono accorta ora di non aver postato il finale del regolamento, che sarebbe questo http://img72.imageshack.us/img72/9300/220320123188.jpg

    No dico, nemmeno in convento spengono le luci alle 23. Ditemi voi.

    Cecilia, sei la benvenuta. Anche domani.

    RispondiElimina
  9. Ma guarda, la cosa degli elettrodomestici rumorosi secondo me ci sta, ma spero che non comprenda anche un asciugacapelli, per dire. Emy, pensa ad una tua condizione e falla aggiungere al regolamento. Sei stata brava a segnare quel punto, fallo valere.

    RispondiElimina
  10. no Lucy, con 'rumorosi' intendono tutto, non solo la lavatrice, anche un televisore....per dire. Annamo bene! Che vita di merda, fanno queste? Io me lo chiedo.

    RispondiElimina
  11. C'è solo una cosa che non capisco: come mai smemo che ha una vita sessuale così attiva non solidarizza?

    RispondiElimina
  12. prende la pillola, Anna. Ci deve essere qualcosa che fa contrasto.

    RispondiElimina
  13. oddio, ma questa è follia pura.
    Io ne ho avuti di coinquilini stronzi, ma al regolamento imposto dall'alto non ci siamo mai arrivati. Forse perché loro non ci hanno pensato, non per altro.
    Comunque ti sono vicina, lo so anche troppo cosa vuol dire vivere con gente con cui non vai d'accordo.
    Poi queste son proprio da neuro, comunque.

    RispondiElimina
  14. @Emy scusa e' solo per provare Reply perche' non l'avevo visto prima. In effetti e' piu' complicato che nella mia versione.

    RispondiElimina
  15. fai pure Lucy, lo so bene...il mio fa schifo! è meglio il VOSTRO, dove potete replicare sotto ogni commento ed è la cosa migliore secondo me...purtroppo blogger a me non l ha aggiornato e mi sono arrangiata da sola :(

    RispondiElimina
  16. io avrei optato per un bel ribaltamento del tavolo/patibolo addosso alle arpie al grido di "questa è spartaaaaaaa!"
    a parte ciò, queste l'hanno proprio fatta fuori dal vasino....ma dico...pagano il triplo d'affitto rispetto a te per permettersi di dettare legge?? (e per la cronaca neanche quello sarebbe motivo valido per accampare diritti!!)
    EMY VATTENE DA Lì IL PRIMA POSSIBILE, FUGGI...LONTANO!!!!! ma prima...vendicati! :D

    RispondiElimina
  17. Ma questa è pazzia!!!Ma non hanno da studiare invece di perdere tempo a stampare regolamenti? poi l'avete firmato col sangue? Ti dico solo che mio cugino in convitto credo abbia meno regole! Io se fossi in te comincerei a girare per casa in mutande, dato che secondo loro è meno imbarazzante di avere un ragazzo in casa!!

    RispondiElimina
  18. Dici che devo smettere di prendere la pillola? :P E io che a volte trovo pesante la convivenza con il gatto!

    RispondiElimina
  19. non ho parole... non ho davvero parole...
    mi piacerebbe vedere cosa succede se vengo io a girare in mutande per casa...
    e... da perfetto maschietto, rutto e scorreggia libera.
    (autorizzato da "Post non adatto ad un pubblico sensibile e minorenne")

    RispondiElimina
  20. Premetto che con uno che fa la tabellina delle regole oppure la tabellina delle pulizie non ci andrei a vivere manco morto. Raggiunta l'età di andare all'università si dovrebbe avere una certa maturità intellettuale che suggerisca una cosa che si chiama buonsenso. Le regolette scritte possono andare bene il primo anno quando (nella maggior parte dei casi) ci si separa dalla famiglia in cui ci sono i genitori che fanno rispettare delle regole e quindi non si è abituati alla convivenza con persone estranee. Terminato il primo anno se si ha ancora bisogno delle regolette scritte sarebbe bene valutare l'ipotesi di tornare a casa e lasciar perdere l'università.

    Tralasciando questo voglio andare contro corrente rispetto a te Emy e a tutti gli altri commentatori, che sono stati trascinati forse dalla simpatia che nutrono per te.
    Vorrei far notare che il fatto di non utilizzare elettrodomestici rumorosi dopo una certa ora non è affatto una cosa venuta dalla luna. Mi sembra giusto che se uno va a dormire ad un orario raggionevole, e le 23 mi sembra abbastanza raggionevole, deve poter dormire e non sentire il rumore dell'aspirapolvere. Ovviamente un'altro può benissimo decidere di vedersi un bel film sul computer o la televisione, regolando il volume ad un livello "decente" o al massimo ci si mette un bel paio di cuffie e ci si massacra i timpani con 120 decibel senza disturbare colui che dorme.
    Il fatto di utilizzare gli elettrodomestici rumorosi alle 23 mi pare un po eccessivo; può capitare di asciugarsi i capelli una volta ogni tanto ma non esiste che una sta ore e ore a stirarsi i capelli a mezza notte e l'aspirapolvere può essere utilizzata benissimo il pomeriggio o al mattino quando con la luce naturale la polvere si vede benissimo e non quando bisogna andarla a cercare con la lanterna!!

    Per quanto riguarda gli ospiti, è un problema per il quale quando vivevo con altri mi sono sempre battuto per farlo rispettare.
    Ovviamente ognuno può portare degli ospiti a casa, ma bisogna ricordarsi che a inizio anno si accetta un bel contratto in cui sono indicati, il numero e il nome di ognuno dei coinquilini! Ciò significa che un ospite è un ospite e non un abitudinario altrimenti dovrebbe entrar a far parte di questo contratto.
    Purtroppo c'è una brutta abitudine che è quella per la quale quando una persona entra a far parte della vita di uno degli inquilini viene catapultato direttamente nella vita di tutti gli altri inquilini. Ovviamente non va bene! Un ospite è caratterizzato dalla casualità, se invece la sua presenza è sistematica bisogna rivedere alcune regole.
    Se non si vuole arrivare a fargli pagare una quota dell'affitto per lo meno deve partecipare almeno in parte alla gestione della casa, pulizia, buttare la spazzatura, contribuire alle spese comuni della casa, inoltre il buon senso suggerisce che l'ospite si comporti nel modo più cordiale possibile con gli altri inquilini.... Dato che sporca il bagno, la cucina, consuma corrente, acqua e gas e si riscalda come tutti gli altri inquilini, mi sembra il minimo!
    Una cosa che mi urta fortemente è il fatto che gli si lasci la chiave di casa libero di entrare e uscire quando vuole. Se uno degli inquilini non si fida di un ospite perché deve essere obbligato a farlo. Ritorna il contratto firmato a inizio anno, lì si acconsente di dare accesso alla casa ai firmatari del contratto non ad altre persone. Quindi la presenza di un ospite è subordinata alla presenza dell'ospitante.
    Ovviamente raggiunta una certa confidenza tra coinquilini e tra coinquilini e l'ospite(abitudinario) alcune regole possono saltare e decidere di comune accordo altre più permissive.

    Detto questo resta il fatto che dovrebbe essere un ospite, perché a inizio anno nessuno ha scelto di vivere con quest'altra persona, è stata semplicemente IMPOSTA!
    Se si vuole intrattenere una relazione, dato che si suppone che anche l'altro ha una casa, si può fare benissimo che una volta si stà a casa sua e una volta a casa tua.

    RispondiElimina
  21. Luigi hai ragione, ma scusami se tu vai a letto alle 23 non puoi impormi di tacere dalle 23 in poi. Santo cielo! Se hai abitudini fuori dal comune, cerchi una casa dove il rischio di contrasti è limitato, non di certo una casa con 6 persone... Capisco quello che dici, ma se mi si dice 'io sono a forlì per studiare' non puoi chiedere a me che sono a forlì non solo per studiare di farti gestire il mio tempo libero. E' mio e in quanto tale vedo io che farne. Per quanto riguarda le bollette il problema non si pone perché è tutto incluso quindi una, due, tre persone in più non influiscono direttamente. Detto questo, io non accetto che mi si IMPONGANO le cose, ma che se ne parli.. chi sei tu (e mi riferisco a loro 5) per dirmi che Andrea deve venire occasionalmente? Io non decido quando devono venire i loro amici.

    RispondiElimina
  22. @Luigi
    il tuo ragionamento non fa' una piega ma in un contesto diverso; qui io inorridisco per come sia stata messa in piedi la cosa in modo esagerato e per alcuni aspetti grottesco (vedi o' fusillo)...
    Salta fuori l'impressione che si abbia a che fare con ragazzine immature, non certo con laureande et similia...

    RispondiElimina
  23. e specifico che hanno rispettivamente 19, 19, 20 e 23 anni... Cioè. Che pena.

    RispondiElimina
  24. @Emy
    alla faccia della "maturità"...

    RispondiElimina
  25. Il fatto che siano immature l'ho sottolineato già a inizio del commento precedente.

    Per quanto riguarda andrea, glielo hai fatto presente alle tue coinquiline che Andrea sarebbe stato a casa tutti i giorni?
    Hai chiesto loro se gli sta bene il fatto che qualche volta potrebbero restare in casa da sole con andrea quando tu non ci sei, ad esempio al mattino quando tu vai a lezione e lui rimane a dormire?
    Sono domande semplici che se vengono chieste sinceramente non danno problemi, credo che tutti acconsentiremmo, ma se ci vengono imposte ci danno fastidio proprio per il fatto che sono state imposte.
    Come ti ho detto prima c'è differenza dall'ospitare ogni tanto qualcuno, ad esempio invitare a pranzo o cena un amico oppure farlo dormire in casa ogni tanto, rispetto al farlo tutti i giorni. D'altra parte nessuno può vietarti di avere una relazione con qualcuno, la soluzione sta nel trovare un punto di incontro tra le tue coinquiline e le tue esigenze. Quindi fate un po a casa tua e un po a casa sua, oppure evitate di stare a casa nelle ore in cui le altre studiano ...
    Ovviamente hai ragione quando dici che non sono loro a doverti organizzare il tempo libero, ma non sei neanche tu a dover condizionare loro con la tua vita.
    La convivenza è anche questo, trovare dei compromessi che vadano bene a tutti!

    E poi mi pare evidente che se 5 si lamentano di una sola, forse il problema sta anche dall'altra parte! o sbaglio?

    A questo punto visto che la tua presenza non è molto gradita (almeno cosi tu ci racconti) e che il grado di maturità delle tue coinquiline sembra essere pari a zero, io personalmente valuterei la possibilità a fine anno di cambiare casa. Andare a vivere con qualcuno che faccia più o meno la tua stessa vita. E se fossi in te mi cercherei una casa mista, maschi femmine, che per personale esperienza sono quelle più equilibrate!
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  26. Io non l'ho chiesto per il semplice fatto che a inizio anno si disse 'ognuno può ospitare chi vuole'. Forse ho esagerato? Ci sta ma a me nessuno ha chiesto se mi andava bene che girassero per casa ogni volte un ragazzo diverso per SmEmo o peggio un ADULTO. Voglio dire, mio padre non si sognerebbe di dormire in casa con 6 ragazze nè tanto meno di uscire dal bagno in accappatoio. A me questo da fastidio, ma 'è mio padre' mi parve una risposta da dover accettare.

    Quindi amen, a settembre vado altrove ma ne passeranno di 'guai' fino a settembre. Perché 'evvai si è tolta dai coglioni' non mi va giù :P

    RispondiElimina
  27. Tanto tanto sesso. basterebbe quello.

    RispondiElimina
  28. Come disse uno na volta: sono sufficiente dei sacchetti di carta per mandare avanti relazioni splendide.

    RispondiElimina
  29. @Luigi
    Luigi, tutto giusto, non si discute, anche se i presupposti erano dagli inizi diversi; rimane il fatto che la cosa poteva comunque venir gestita in altro modo, senza le sceneggiate e le str...upidate dette e fatte.
    p.s. per la storia della tariffa elettrica bioraria, devi sentire nei condomini che "casino" di lavatrici di notte XD

    RispondiElimina
  30. anche di plastica... i sacchetti AH AH

    RispondiElimina
  31. Mi sono astenuta dal commentare perchè altrimenti penseresti che io sono Hitler...
    Son stata fortunata perchè le mie coinquiline hanno sempre condiviso il mio stile di vita e le mie abitudini, quindi non c'è mai stato bisogno di scrivere niente da nessuna parte.
    In linea di principio non vedo di niente di strano nelle regole che ti hanno imposto, ma concordo con te che queste cose vanno decise insieme..

    Detto questo Emy..s'è capito che io&te non potremmo vivere insieme.. :-P

    A casa mia si dice "Care e lontane!"

    (Sono ovviamente ironica!)

    RispondiElimina
  32. Ma il tuo pensiero lo sapevo, Cinzia :) sarà che io ho passato tre anni con le bestie e con maschi che giravano a tutte le ore e ORA mi sembra assurdo che venga vietato a me. ;) Avrei dovuto oppormi gli anni scorsi, avete ragione.

    RispondiElimina
  33. Ciao! Quello che non capisco è come fai a dare fastidio guardando i film al pc... a che volume li tieni? Credo che usando un volume ragionevole potresti guardarti tutti i film che vuoi anche in piena notte senza svegliare o disturbare nessuna. Riguardo all'ospite, qui è difficile, da un lato ha ragione Luigi (il "fidanzato" di una entra di fatto nella vita di tutti gli altri inquilini e questo può creare problemi) dall'altro tu hai il diritto a ospitare il tuo fidanzato. Probabilmente si è creata questa situazione muro contro muro a cui avrete contribuito tutte (anche tu mi sembri bella tosta)... Concordo che l'unica sia il prox anno cambiare casa e nel frattempo passare più tempo tu da Andrea!

    RispondiElimina
  34. Così è Ilaria. Andrea ha chiesto ai suoi coinquilini e hanno risposto 'assolutamente. Era scontato che potesse'. splendidi :P

    p.s. e loro sono tranquillissimi, della serie non hanno accettato affinchè anche loro potessero farlo, anzi.

    RispondiElimina
  35. Le teste di c***o capitano....cambia casa, ne guadagni di serenità...

    RispondiElimina
  36. @Emy
    Emy, non maschietti saremo anche delle teste di ca22o ma siamo molto più pratici, alla mano e non segaioli... =D

    RispondiElimina
  37. ops, era "noi maschietti"... XD

    RispondiElimina
  38. io non ho parole... hanno redatto addirittura un regolamento... scontato che te ne vai a settembre. E scontato che Andrea verrà cmq a trovarti occasionalmente spero ogni volta che ne avrà voglia, se state in camera tua che fastidio date? idem per i film....che c'hai l'impianto home theater a tutto volume? io non capisco questo accanimento verso voi due.

    RispondiElimina

mi vuoi dire qualche cccosa?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...