RSS

Lasciarsi su facebook.

Personalmente, dal momento che mi indispone tutto ciò che è reso pubblico (e mi riferisco a quello che concerne il settore ''privato'') tendo ad evitare effusioni, relazioni amorose, smancerie e quant'altro su fb. Ciò non toglie che io parli di quello che mi accade giornalmente, nei limiti dei dettagli consentiti e che spesso ci scappi qualche Quoricino in segno di sincero affetto.Mettici pure che il romanticismo melenso non mi appartiene, mettici che ho una concezione tutta mia di quello che si può e non si può dire su fb (ai limiti della follia) ma a me le conseguenze patetiche di quello che succede quando la relazione si interrompe su fb, fanno morire dal ridere.
Quindi, lunga vita alle diatribe amorose di coloro che (ribadisco, a differenza mia) prese dall'enfasi si affrettano a far sapere a tutti che si sono accoppiate (nel migliore dei casi, compare anche il nome del poveraccio di turno che si sono appioppate). Enfasi che non viene meno, anche quando la love story per un motivo e un altro, finisce. Schieramento pro e contro alla riscossa.
Mi diverte leggere i commenti, che nel primo caso oscillano tra il ''maddai, biricchina non mi avevi detto nulla!'', ''brava, brava'' (e invece pensi ''anvedi sta 'roia''),''mado che bello amòòò mia, tu e Ciccillo Tunz e Tunz forever'' ''miraccomando, dopo chiamami per i dettagli''.
Insomma, scenette al limite della decenza a cui io volutamente non mi esimo dal leggere. Quattordicenni sposate, trentenni che rasentano la stupidità. Tuttavia,
mi sono sempre domandata a cosa pensano i maschietti (alcuni anche peggio delle relative amanti) quando si trovano dinanzi al fatidico ''Maria Dolores alias Catena ha una relazione con te, desideri accettare?''. Una lancia a favore di quelli discreti che si limitano a segnarsi ''impegnati'' senza dare spiegazioni a nessuno.
La tragedia non tarda però ad arrivare quando viene reciso il legame e si passa a SINGLE.
Proprio ieri mi sono trovata a leggere di una relazione finita (vedi foto 2.) e mi ha fatta sorridere la solidarietà femminile che in meno di pochi secondi ha etichettato il cuore infranto di cromosoma y come lo ''sciagurato di turno''. Poveraccio, io continuo a pensare che può essere stata lei la 'occola.
Da oggi in poi seguiranno link e frasi strazianti del genere ''SINGLE è MEGLIO'' ''CHI NON MI AMA NON MI MERITA'' ''DA DOMANI INDIFFERENZA'' ''SI CHIUDE UNA PORTA SI APRE UN COMIGNOLO''. Come da copione.
Insomma, proprio perché il mondo è bello perché vario, ognuno definisca il proprio privato come meglio crede tenendo conto però, del pubblico al quale si rivolge. Grasse risate in vista.

3 commenti:

  1. Vincenzo FrunzDoc Guidone25 marzo 2011 20:14

    Da oggi in poi mi chiami Ciccillo Tunz tunz per favore???
    Mi hai fatto, come al solito, piegare dalle risate ed ecco i miei due centesimi: l'eccessiva fretta nelle relazioni, nel qualificarle intendo, è una costante dell'interagire umano (anche in casi in cui si parla di umani solo alla luce di quanto scritto sui documenti anagrafici), ora che facebook ci concede di far sapere tutto a tutti tutto ciò si è evoluto! Alla fin fine penso che, come dici tu, il proprio privato andrebbe stemperato considerando il proprio pubblico.
    Non si possono salvare tutti!
    TUNZ TUNZ

    RispondiElimina
  2. quasi preferisco la tristezza delle coppie che utilizzano insieme un unico profilo fb :S
    ''MARIADOLORES CICCILLO'' oddio.

    RispondiElimina
  3. Vincenzo FrunzDoc Guidone27 marzo 2011 09:28

    Si, la dimostrazione di gelosia e mancanza di fiducia che da una cosa del genere è da crepare dal ridere!
    Ciccilloooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina

mi vuoi dire qualche cccosa?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...