RSS

Chiamai disordine quelle armonie in me.

Finalmente si sono concluse le due settimane infernali (forse esagero!!) dedicate alla preparazione dell' esame, che mi ha costretta a svegliarmi presto e a rimandare continuamente la spesa (qui gioca anche la pigrizia, confesso!!).
Due settimane perchè, dovete sapere, che la maggior parte del tempo la perdo a riscrivere il libro sul quaderno, a dare un senso agli appunti. Ebbene sì.
Ho questo limite, non riesco a studiare dai caratteri stampati. E proprio ieri pensavo a quanto sono difficile.
Voglio dire, uno non si aspetterebbe di trovare così tante (parte ve le ho già dette, parte ve le dirò) stranezze in una ragazza tanto semplice all'apparenza, no?
E odio questo, e odio quello, e quell' altro pure.
Per questo penso davvero che le persone che mi amano, hanno una notevole dose di coraggio oltre che si pazienza.
Sarà l'ego smisurato che mi contraddistingue ma io continuo a non vederci nulla di male, anzi..

''cioè, ma ti rendi conto? tu dici delle cose e ti aspetti che gli altri la pensino come te, quello che dici tu è giusto quello che dico io non lo è''.
Miele per il mio egometro. ;)
Fatto sta che oltre a questi pregi ho anche una serie di difetti, piacevoli. (risatina malefica)
E come disse Oscar Wilde ''mi manca un difetto per essere perfetto'', a voi la corretta interpretazione...

2 commenti:

  1. Vincenzo FrunzDoc Guidone15 febbraio 2011 14:52

    Il mare lo si ama a prescindere dalle onde...

    RispondiElimina

mi vuoi dire qualche cccosa?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...