RSS

Passion Fruit Raw Food a Rimini: esperienze nude e crude.

Come vi avevo preannunciato su facebook, venerdì scorso ho fatto una capatina alla gelateria Passion Fruit a Rimini, di recente inaugurazione, tra le cui specialità (granite siciliane, composizioni di frutta, frullati, centrifugati, estratti e gelati (anche con latte di soia) prevede anche menu crudisti. Cos'è il crudismo, vi starete chiedendo (no? leggete e zitti). 
Per raw food si intende appunto cibo crudo, anche detto cibo vivo, quindi allo stato naturale o al massimo essiccati ad una temperatura non superiore ai 43°, intendendo con questo il mantenimento di tutte le proprietà organolettiche, dalle vitamine ai minerali agli enzimi.

Quindi, cosa mangiano i crudisti? Verdura, frutta, semi e frutta secca.
Non viene aggiunto nè zucchero nè alcun tipo di farina di cereali quindi tutti i cibi crudisti sono adatti ai celiaci (ottimo, no?).


Confesso di essere stata per lungo tempo un po' scettica al riguardo, in quanto per nulla al mondo potrei rinunciare a pane e pasta (avevo detto così anche delle mozzarelle dite? Avete ragione) ma dal momento che adoro sperimentare ogni cosa ed essendo Rimini sufficientemente vicina a Forlì, ho deciso di sperimentare per voi. 

Il menu del giorno prevedeva i classici spaghetti di zucchine (gli zucchinetti ndr.) conditi con basilico, mandorle e pomodorini, cracker di semi di lino essiccati e un happy burger (un ''burger'' vegan, con peperoni, pomodori e altre verdure). Tutto squisito se non fosse per la quantità. Rapporto quantità-prezzo decisamente deludente (5 euro per un misero burger sono troppi!). Questa inoltre la foto su facebook che mi ha tratta in inganno: qui. Dannazione! Happy burger but sad me.


Cous cous raw (ottimo e molto estivo, super consigliato!) con verza.


Crostatina con crema alla vaniglia e frutta (non so voi ma appena ho letto il prezzo sono impallidita: 5 euro, 2 cm di crostata), bon bon (3 pezzi, 1euro) e biscotto crudista (2 pezzi, 1 euro). I dolci sono deliziosi: chi non ama il cocco e le mandorle?.


Ribadisco, tutto buonissimo ma prezzi decisamente stridenti con la quantità fornita e questo secondo me lascerà a pancia vuota numerosi clienti abituati alle ''abbuffate''. 
La posizione del locale non è proprio ottimale, infatti é la parte opposta della strada ad essere quella più trafficata e ''da passeggio'' visti i numerosi locali e negozietti.
Cibi sani, nuovi, decisamente poco conosciuti (ahimè) ma non troppo valorizzati; poca visibilità è infatti data alla scritta raw food (un peccato, i turisti non mancano di certo) al contrario della più gettonata gelateria frutteria. 

Super consigliato il gelato. Era ormai un anno che non mangiavo un cono al pistacchio e nocciola.
I coni (o cialde) sono infatti privi di latte e uova (evviva, niente più odiose coppette di carta!) e il gelato al pistacchio è buonissimo (mai, da nessun'altra parte, ho trovato il pistacchio con latte di soia).

Cibo ottimo ma se devo fare un appunto è sulle porzioni un po' misere: il locale è aperto da poco e confido nel fatto che le quantità vengano riviste. Vi consiglio certamente di recarvi sul posto dal lunedì al mercoledì perché è presente Daniela, che potrà deliziarvi con numerose altre preparazioni (anche qui, se posso permettermi, scelta decisamente sbagliata, avrei puntato di più sul week end).

La gelateria frutteria Passion Fruit si trova in viale Regina Elena, 54 a Rimini, il servizio è take away e l'orario di apertura è dalle 10 alle 24. Se ci andate, non mancate di farmelo sapere.






post non sponsorizzato      

7 commenti:

  1. Un posto curioso... se capito da quelle parti lo proverò! Io sperimento ogni cucina ma ... mangio di tutto... non odiarmi troppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, la cucina crudista ha il suo fascino :)

      Elimina
  2. Che bel posto! Mi piacerebbe un sacco provarlo!
    Sai che qui a Milano (e anche in qualche altra città) hanno aperto una catena di fast food vegan (Universo Vegano) che sembra avere un successo strepitoso?
    Io non ho ancora provato ma sembra promettere bene.
    Baci

    RispondiElimina
  3. che bel posto sì e che bontà quell' happy burger :) ne avrei mangiati altri cinque eheh

    Sì sapevo dell' UV, tocca venire a milano e provare (ho visto prezzi onesti!!). Milano centro o fuori mano?

    RispondiElimina
  4. Beh in questi anni in cui i vari canali satellitari trasmettono il mito delle abbuffate, e nelle città si moltiplicano scadenti "all you can abbuffarti" per pochi euro, capisco che ritornare a vedere preparazioni servite in quantità normali faccia vacillare le certezze di tanti psicolabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Giancarlo, lei conosce psicolabili? Che fortuna capire il loro punto di vista sull'alimentazione raw. Perché, non è a me che si riferiva vero?

      Al termine della cena ero sazia e soddisfatta, qui non si sta parlando di abbuffate. Sono vegana da 2 anni e di ALL YOU CAN EAT neppure l'ombra, questo dovrebbe saperlo. Ad ogni modo, ho trovato sproporzionato il costo (5euro) per 2 cm di torta (fosse anche ripiena di foglie d'oro).

      Elimina

mi vuoi dire qualche cccosa?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...